• Walltherm® AIR - stufa ad aria calda
    Walltherm® AIR - stufa ad aria calda
  • Walltherm® AIR - stufa ad aria calda
    Walltherm® AIR - stufa ad aria calda

Walltherm® AIR - stufa ad aria calda

Stufa a doppia combustione e tiraggio naturale con ventilatore


Dati tecnici

Potenza: 6 - 12 kW
Rendimento: >87 %
Polveri: 12,4 mg/N³
Collegamento aria comb. inferiore: ø180 mm
Collegamento aria comb. lato posteriore: 2 x ø100 mm
Tiraggio necessario: 13 Pa - max. 20 Pa
Peso:ca. 300 kg
Diametro camino: ø150 mm
Portata dei fumi: 10,1 g/s
Temperatura fumi: ca. 179 °C
Temp. fumi fase d´accensione: ca. 250 - 300 °C
Combustibile: legna asciutta
Lunghezza: fino a 35 cm

Garantie: 5 anni corpo stufa (esclusi i pezzi che si possono usare) - 2 anni per armature e componenti elettronici


Accessori inclusi

  • Stufa Walltherm
  • Scopa, spatola ed attizzatoio
  • Kit di pulizia (spazzole)
  • Manuale

Domande frequenti

Come deve essere fatta la canna fumaria per garantire un buon funzionamento?

La termostufa Walltherm funziona a tiraggio naturale, perciò la canna fumaria è il componente più importante. Il tiraggio della canna fumaria, che può essere rilevato da uno spazzacamino specializzato, deve essere minimo 12 Pa, l’ottimale però sarebbero 15 Pa. Normalmente dobbiamo disporre di una lunghezza di almeno 6 mt. montati in posizione verticale con un diametro di 150 mm. Molto importante è che la canna fumaria sia ben coibentata. Non possono essere montati tratti di tubo orizzontali che superano il metro di lunghezza. Il modo migliore è quello di impiegare curve da 45°– 60°Gradi. La sezione della canna fumaria dovrebbe essere tonda, noi consigliamo l’utilizzo di tubi a doppia parete in acciaio inox.


Ho un problema di condensa nella canna fumaria se la temperatura dei fumi di scarico é cosi bassa??

No, prima dell’accensione della Walltherm bisogna aprire la valvola deviazione fumi, in questa fase i fumi escono direttamente dalla canna fumaria con temperature di ca. 300 – 400°C, in questo modo la canna fumaria si riscalda ed elimina l’ umidità ovviando il problema della condensa. Quando si raggiunge la temperatura ottimale nella canna fumaria, si può avviare la funzione della fiamma inversa chiudendo la valvola deviazione fumi, da questo momento la temperatura dei fumi di scarico scende fino a 130°C. Se il funzionamento della Walltherm è corretto ne consegue una combustione pulita, questo grazie all’emissione dei gas in atmosfera a ca. 130-170°C .Problemi con la condensa (catrame) si riscontrano se la temperatura dei gas di scarico scende sotto gli 80 – 90 °C. Se persistono tali temperature ciò significa che il tiraggio della canna fumaria è insufficiente, quindi per ovviare a questo bisogna prolungare la canna fumaria o installare un’ aspirazione forzata.

Quale è il tipo di legna più indicato nell’utilizzo della Walltherm?

pezzo di legno

L’ottimale sarebbe l’uso della legna stagionata almeno 2 anni.

Si può impiegare legna leggera (p.es. abete) ma anche legna dura (p.es. faggio o quercia)

La camera di combustione è stata realizzata per pezzi di legna con una lunghezza di max. 35 cm. 

Il consumo di legna dipende dalla qualità e dal tasso di umidità. Generalmente impiegando la legna leggera possiamo avere un’autonomia fino a 3ore, con legna dura anche fino a 5 ore.

La camera di combustione ha uno spazio di ca. cinquanta litri.

 

 

Esce del fumo mentre si carica la Walltherm?

Con un tiraggio ideale non esce fumo quando si carica la termostufa. Prima di effettuare la carica bisogna aprire la valvola deviazione dei fumi, poi si può effettuare l’operazione della carica. Per motivi di sicurezza é consigliato effettuare un’ ulteriore carica solo dopo che la legna nella camera di combustione sia stata bruciata totalmente.

Quando dobbiamo pulire la termostufa?

E’consigliata la pulizia giornaliera della cenere che rimane nella camera di combustione inferiore e superiore.

Una volta alla settimana smontare le griglie e pulire lo spazio che si trova sotto.

In dotazione con la Walltherm vengono fornite delle spazzole in acciaio che hanno una sagoma rettangolare per la pulizia dei canali dello scambiatore. Per la pulizia dei canali fumi si deve smontare il coperchio dietro alla canna fumaria e poi si pulisce i canali con la spazzola in acciaio. (per maggiori informazioni vedi libretto d ́ istruzioni) L’intervallo di quest’operazione è di ca. 2-3 mesi.

 

 

Quali sono i pezzi più soggetti ad usura e quando bisogna sostituirli?

In generale possono usurarsi tutti i pezzi a contatto con la fiamma.

La dimensione dell'usura dipende delle ore di esercizio, del tipo di combustibile (solo legna naturale, mai rifiuti!!) e specialmente del tiraggio naturale (max. 20 Pa). Per diminuire l'usura si deve gestire la stufa correttamente e pulirla periodicamente come descirtto nel libretto d'istruzioni.

Le guarnizioni delle portine e delle aperture di pulizia si cambia ogni 2-3 anni. Il blocco iniettore e le griglie in ghisa si cambia ogni 3 - 6 anni (dipendente delle ore d'esercizio). I pezzi in refrattario si cambia dopo 5 – 7 anni.

Informazione: Il refrattario si cambia solo se il pezzo si sbriciola, crepature sono normali e non diminuiscono la funzionalità del refrattario perciò non bisogna cambiare il componente.

Il vetro interno della porta inferiore può perdere la trasparenza questo perchè la fiamma inversa crea temperature fino a 1000°C, in questi casi si può cambiare solo il vetro interno.